BC.GAMERichiedi 5BTC adesso

L’Argentina domina gli acquisti di stablecoin USDT e USDC in America Latina

Presa veloce
  • Gli argentini preferiscono Tether (USDT) e Circle (USDC) a fronte dell'elevata inflazione.
  • La politica e l’economia incoraggiano l’adozione delle criptovalute in Argentina.
BC.GAMEBCGAME - Il miglior casinò, bonus giornaliero gratuito da 5 BTC!BC.GAME Bonus giornaliero gratuito da 5 BTC!
Iscriviti ora

Nell'attuale scenario economico argentino, si è affermata una tendenza notevole nel mercato delle criptovalute, soprattutto per quanto riguarda le stablecoin. L’Argentina, nota per aver dovuto affrontare una serie di sfide economiche, Sega un aumento significativo degli acquisti di stablecoin, con Tether (USDT) e Circle (USDC) al centro della scena. Questo movimento è una chiara indicazione della ricerca di stabilità finanziaria in un contesto di crescente inflazione e svalutazione della valuta locale.

Secondo un rapporto divulgato di Bitso, un rinomato exchange di criptovalute fondato in Messico, l'Argentina ha registrato le maggiori acquisizioni e partecipazioni di stablecoin in tutta l'America Latina negli ultimi sei mesi. Questi dati sono particolarmente significativi se si considera che circa il 60% degli acquisti di criptovalute effettuati dagli argentini su Bitso erano diretti alle stablecoin USDT e USDC, mentre solo il 13% è andato a Bitcoin. Al contrario, in paesi come Colombia, Brasile e Messico, la percentuale di acquisti di stablecoin varia dal 31% al 40% circa del totale degli acquisti di criptovalute.

Questo fenomeno in Argentina è in gran parte attribuito al contesto politico ed economico del paese, che ha incoraggiato la popolazione a cercare alternative più stabili di fronte all'elevata inflazione e alla perdita di valore della valuta nazionale. L’adozione di stablecoin come USDT e USDC appare come una strategia per preservare il valore del capitale in un contesto di incertezza economica.

Leggi anche:   Gli ETF Bitcoin rimangono forti nonostante i recenti cali, secondo l'esperto di Bloomberg

L’Argentina, nonostante sia la seconda nazione dell’America Latina in termini di popolazione e la terza per economia, è alle prese da anni con problemi economici. L’inflazione annuale del paese è salita allo sbalorditivo 211,4% nel 2023, riflettendo la gravità della situazione economica. Inoltre, uno studio di Chainalysis del 2023 ha collocato l’Argentina come il secondo paese dell’America Latina nell’adozione di criptovalute e il quindicesimo nel mondo, evidenziando la crescente importanza di questo mercato per gli argentini.

Il neoeletto presidente dell'Argentina, Javier Milei, che si definisce un "anarco-capitalista", ha fatto commenti che suggeriscono un'apertura verso Bitcoin, sebbene non abbia ancora adottato una posizione completamente pro-criptovaluta. Milei ha descritto Bitcoin come "la restituzione del denaro al suo creatore originale, il settore privato" e ha criticato la banca centrale del paese, definendolo "una truffa". Queste dichiarazioni riflettono un possibile futuro in cui le criptovalute potrebbero svolgere un ruolo ancora più significativo nell’economia argentina.

Disclaimer: Le opinioni e le opinioni espresse dall'autore, o da chiunque sia menzionato in questo articolo, sono solo a scopo informativo e non costituiscono consulenza finanziaria, di investimento o di altro tipo. L'investimento o il trading di criptovalute comporta il rischio di perdite finanziarie.
Totale
0
azioni

Articoli Correlati