BC.GAMERichiedi 5BTC adesso

Mining di Bitcoin e criptovalute in Venezuela: il paese impone restrizioni

Presa veloce
  • Il Venezuela vieta il mining di Bitcoin per stabilizzare la rete elettrica.
  • Il provvedimento segue i sequestri di attrezzature e la lotta alla corruzione.
  • Impatto globale dell’attività mineraria evidenziato in altri paesi.
TerraMeta Prevendita dei token EarthMeta LIVE! Il prossimo x100? 🚀TerraMetaEarthMeta Preordina LIVE!🔥x100?🚀
Acquista $ EMT

Il governo venezuelano ha adottato misure severe contro il mining di criptovalute nel tentativo di proteggere la sua rete elettrica già sovraccarica. Questa decisione allinea il Venezuela con nazioni come Cina e Kazakistan, che hanno anch’esse limitato questa attività a causa dell’elevato consumo energetico.

Recentemente, il Ministero dell'Energia Elettrica del Venezuela ha annunciato che disconnetterà le mining farm di criptovalute dalla rete elettrica nazionale. L’obiettivo è mitigare i consumi esorbitanti di energia e garantire che la fornitura elettrica rimanga stabile per tutti i cittadini. Questo annuncio fa seguito al sequestro di circa 2.000 attrezzature minerarie nella città di Maracay, in un'operazione che rientra in un più ampio sforzo di lotta alla corruzione.

Il settore elettrico venezuelano è messo a dura prova, con frequenti blackout che colpiscono gravemente la vita quotidiana e l'economia del Paese. Le autorità sottolineano che il divieto è vitale per prevenire future instabilità nella distribuzione dell’energia, che è un problema ricorrente da più di un decennio.

Leggi anche:   Bitcoin ed Ethereum provano a recuperare, mentre Uniswap (UNI) accelera i guadagni

L'Associazione Nazionale di Criptovaluta del Venezuela ha sottolineato in un post sulla sua piattaforma X che "l'estrazione di criptovalute è vietata in Venezuela", rafforzando il messaggio del governo.

Rafael Lacava, governatore dello stato di Carabobo, ha sottolineato l'importanza della collaborazione pubblica nell'identificazione e nella denuncia delle operazioni minerarie illegali. Sostiene che questo coinvolgimento è cruciale per il successo delle misure governative.

A livello internazionale, gli operatori di mining di criptovalute in Kazakistan hanno espresso le loro preoccupazioni attraverso una lettera aperta al presidente Kassym-Jomart Tokayev sull'aumento dei costi energetici, evidenziando la pressione globale sul settore.

Disclaimer: Le opinioni e le opinioni espresse dall'autore, o da chiunque sia menzionato in questo articolo, sono solo a scopo informativo e non costituiscono consulenza finanziaria, di investimento o di altro tipo. L'investimento o il trading di criptovalute comporta il rischio di perdite finanziarie.
Totale
0
azioni

Articoli Correlati